Ristoranti migliori di Torino. Ecco l’elenco dei top secondo Tiportoalristorante Food Blog aggiornata a dicembre 2020.

Vi ricordiamo che dal 13 Dicembre 2020, con l’ingresso del Piemonte in zona gialla, i ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti con possibilità di consumo all’interno dalle 5 alle 18.

Dalle 5 alle 22 è consentita anche la vendita da asporto.

Veniamo, ora, ai nostri preziosi consigli sui migliori ristoranti di Torino, partiamo con il pesce freschissimo che arriva dalla Sicilia per via aerea, un’esperienza sublime e sicuramente fuori dagli schemi, Oinos che in questi mesi difficili a casua della pandemia, sta puntando molto su un delivery di altissima qualità ed efficienza: www.oinosristorante.it
li trovate in via della Rocca 39/g, Torino (zona centralissima).

1) OINOS IL SUSHI ALLA SICILIANA! 

Il sushi che trovate da Oinos è una vera chicca!

Un piacere che si scioglie delicatamente in bocca, un profumo intenso e piacevole per un semplicissimo motivo.

I fornitori del pesce non sono i soliti che riforniscono più o meno gran parte dei sushi restaurant d’Italia.

Da Oinos il sushi lo servono partendo dal pesce che ogni giorno arriva fresco, via aereo, dalla Sicilia. Ed è tutta un’esplosione di sapori e profumi!

Vi è già venuta l’acquolina vero?

Lo chiamano SUSCILIANO. Perché?




Il sushi è aromatizzato con una delicata salsa di pesto tradizionale,

il nighiri di salmone è cosparso di polvere di pomodorini secchi,

i gamberi rossi di Mazzara sono spennellati con un delicato olio di agrumi

la ricciola cruda si accosta con i capperi tritati finissimi di Pantelleria.

Gli accostamenti cambiano e seguono le stagioni, naturalmente. C’è grande attenzione alle materie prime.

Nel loro menù:

Roll di ombrina, zucchine e mandorle croccanti

Roll gambero rosso di Mazara, basilico e olio extra vergine

Special Crispy: salmone sockeye, tonno, gambero cotto, avocado, salsa teriyaki, salsa alle fragole, salsa spicy e briciole di tempura

Nigiri gambero tosso di Mazara e olio agli agrumi

Nighiri branzino e tartare di olive nere taggiasche su arancia

Nigiri tonno e cipolle dolci caramellate

… e molto ancora, menù consultabile qui.

Assolutamente da provare! Uno dei migliori sushi unconventional in città.

Non ultimo, ricordiamo che qui servono solo salmone selvaggio Sockeye e il sushi ed il sashimi s’intingono nell’olio extra vergine di oliva.

cruditè di Oinos

Per chi vuole rimanere sulla cucina di pesce, italiana, c’è anche questa opportunità: in carta golosissime ed originali ricette a base di pesce fresco, ingredienti selezionati e prodotti rigorosamente di stagione.

Buoni gli spaghettoni al sugo di pescatrice che ho provato dopo il sushi.

Siamo leggermente sopra la media di un ristorante di pesce italiano in quanto a materie prime, davvero freschissime e di qualità.. non potete non notarlo.

Però secondo me qui non si viene qui per mangiare italiano, provate il sushi come lo interpretano loro, ne vale davvero la pena!

Prezzi alti ma adeguati alla qualità delle materie prime e l’originalità delle proposte.

Hanno anche un ampio e bellissimo dehor esterno.

Meglio prenotare. Per orari di apertura consultate il loro sito.

–Prezzi–

Tra i 30 ed i 45 euro a persona, mangiando alla carta. Proposta ampia di menù pranzo a prezzi accessibili. 

Indirizzo: via della Rocca 39, Torino

Altri dritte sui migliori ristoranti di sushi in Torino le trovi qui: MIGLIORI SUSHI TORINO.

 

Volete mangiare piemontese? Ecco la migliore e tra le più tradizionali ed autentiche trattorie in città: El Crinet 

 

2) TRATTORIA LA MADIA

E veniamo, ora, alla tradizione piemontese ma molto rivisitata, una trattoria molto curata, ideale, in questo caso, per trovare la tranquillità di una cenetta a due, romantica e “gustosa” La Madìa.

Siamo in corso Quintino Sella 85/1, pre collina torinese, anche loro hanno riaperto il 13 Dicembre 2020 con l’ingresso in zona gialla del Piemonte e mantengono il servizio di delivery.

Si mangia divinamente ed in una ambiente molto raccolto e tranquillo.

Sarete coccolati dal personale, gentilissimo e discreto e proverete alcuni piatti della tradizione piemontese cucinati alla perfezione e con un tocco di estro.

Fatevi stupire dal divino “risotto al blu di Moncenisio, pere e gambero crudo” 

oppure dai 

“ravioli fatti a mano ripieni di zucca con crema di patate, porri e guanciale croccante e sicuramente”

Tra i piatti del menù estivo:

“Tajarin burro e limone,acciughe e bottarga di tonno”

“Risotto con scampi, burrata, polvere di basilico e aria di lime”

e ancora:

“Petto d’anatra con salsa di albicocche al Madeira”

“Carne cruda battuta a coltello (Martini Boves) con petali di tartufo estivo e maionese al limone”

 

–Prezzi–

Prezzi intorno ai 40/50 euro.

Corso Quintino Sella 85/1

Altre trattorie ed antiche Piole in città? Eccole, selezionate per voi:

Piola dle due sorele

Bon Bon 

Valenza

 

E dov’è il miglior pesce di Torino? Al Brigantino

3) AL BRIGANTINO: IL TOP A TORINO PER IL PESCE!

Siamo decisamente “fuori dalla “folla” e dai posti super frequentati dalla movida. Questo ristorante è uno dei migliori per il pesce a Torino! 

Ma non aspettatevi gli spaghetti con le vongole, le linguine all’astice.. la tagliata di tonno.. insomma la “solita minestra”. ..

In cucina uno chef giovanissimo e talentuoso: Giuseppe Di Natale.  Saprà stupirvi con piatti MOLTO creativi, accostamenti nuovi ed idee.

Quindi tante gradite sorprese!

Avete mai visto in giro questo piatto?

“Lo Scampo all Gricia” .. incredibile vero! eppure qui lo trovate.. ed è un suo piatto evergreen.. è sempre in carta…

Ecco come è composto: crema di cacio e pepe come base, scampo marinato con olio delicato del Garda e zest di limone, guanciale croccante e crema di insalata di pomodori in gocce..

La foto parla da sola (sotto).. comunque un tripudio di picchi di intensità, in bocca, persistenti, equilibrati, perfettamente distinguibili, benissimo la salinità molto spiccata ma compensata dalla crema di pomodori con la sua lieve acidità.

Divino! Non potete non provarlo!

23559494_903366189814078_8376100554991345607_n

 

e ancora:

“Polpo in agrodolce, cipolla di Tropea caramellata, pomodorini e crema di basilico” (foto accanto)

Vi basta? Rimarrete esterefatti! Vi sembrerà di stare in un ristorante stellato (anche il servizio è ottimo).

Ancora un piatto straordinario, ecco il Tonno scottato, datterini in crema, carciofi e olive taggiasche”. 

E poi il nuovo menù dove trovate:

Insalatina di calamari e scampi, crema di piselli al wasabi, crumble di pane di segale (foto sotto) un capolavoro!

e ancora “La zuppetta di pesce” (foto sotto)

La recensione completa e le foto dei piatti, le trovate qui.

 

–Prezzi–

Alla carta si spendono 35/50 euro.

Via Alpignano 16, Torino.

Segnatevi anche questo nome, per mangiare pesce come Dio comanda:

in zona centralissima (vicino a piazza Vittorio) in via Matteo Pescatore MareNostrum

Ed ora veniamo alla pizza!

4) LA MIGLIORE PIZZA? SESTO GUSTO!

Imperdibile l’esperienza della pizza di Sesto Gusto di Massimiliano Prete. Siamo nel regno delle lievitazioni, la “fissa” di Massimiliano ed il suo vero punto di forza!

Hanno attivato e ormai ampiamente collaudato un sistema di delivery efficacissimo, rapido, sicuro, sono riaperti a pranzo e potrete ordinare o gustare il loro straordinario Panettone artigianale.

Inoltre per festeggiare la ripartenza hanno lanciato il nuovissimo e gustosissimo menù “Orgoglio italiano”.

Un menù degustazione che celebra i piccoli produttori italiani che custodiscono l’eccellenza ed i valori del made in Italy.

Degustazione che prevede 3 assaggi di pizze gastronomiche e una birra artigianale in accompagnamento:

Margherita Extravergine®
Base croccante realizzata con grano evolutivo raccolto 2019, guarnita con pomodorino di collina del Vesuvio, ricotta di capra Cascina Badin, pesto di basilico e pistacchi di Bronte.

Pizz’Otto Crudo e Caprino
Base soffice con crudo di Parma artigianale “Ravanetti” dop (24 mesi), caprino Cascina Badin e granella di nocciole Piemonte igp.

Fa Croc® La Melanzana
La reinterpretazione della tradizionale focaccia romana imbottita farcita con pomodoro pelato dell’agro nocerino sarnese dop, formaggio Gran Kinara fattorie Fiandino, melanzane e emulsione al basilico.

La Birra di Focaccia
Realizzata da Massimiliano Prete in collaborazione con Antagonisti Gipsy Brewer di Melle CN, è un birra sostenibile, perché ottenuta dal recupero di surplus delle nostre focacce.

La pizza qui è davvero strepitosa! Unica!

Un viaggio indimenticabile per la qualità delle materie prime utilizzate ma anche per la location, curata e minimalista, elegante, e per il personale di sala attento e preparato.

Avete la scelta tra le seguenti preparazioni (impasti e lievitazioni):

Fa Croc: l’impasto ha un’alta percentuale di farina tutto grano per dare aroma di grano tostato e massima friabilità.

Troverete tra le fa Croc:

La Mortadella con mortadella Palmieri, raschera DOP e capperi di Pantelleria

La Baccalà con baccalà mantecato e nocciole IGP

Pizz’Otto: è soffice a pasta alta perchè ha un impasto soffice per esaltare al massimo il sapore del grano macinato a pietra. La portano tagliata in 8 spicchi, friabile all’esterno e soffice all’interno: un contrasto da provare!

Eccone alcune:

Il Parma con crudo di Parma artigianale “Ravanetti” DOP (24 mesi) e burrata di Gioia del Colle

I Funghi con pancetta arrotolata Podere Cadassa, funghi alla Nino Bergese e formaggio Gran Kinara

Croccante: alto grado di idratazione, lievitazione mista e lunga fermentazione in massa per avere una struttura croccante.

Tra le croccanti, trovate:

Il Cotto con fior di latte, in uscita prosciutto cotto artigianale, burrata di Gioia del Colle e ricotta salata

Laq Seppia con crema di topinambur, seppia di Porto Santo Spirito scottata, salsa piemontese e pomodorino marinato

Classica: con lievito madre“vivo” e lunghe fermentazioni. Farina di grano 100% italiano, macinato a pietra, ecco alcune delle classiche:

La Tradizionale con pomodoro pelato dell’agro nocerino sarnese DOP, fior di latte ed emulsione al basilico

Sapori del Salento con pomodoro pelato, cime di rapa, burrata di Gioia del Colle e olive di Taggia

Gusto autentico: con il metodo idrolisi (tecnica antica) si innesca la fermentazione spontanea senza l’aggiunta di alcun lievito. L’impasto è al farro.

Se siete indecisi (e in effetti c’è da esserlo… ) si può optare per il menù degustazione a 18 euro con diversi assaggi a scelta dello chef.

Una delle sue creazioni più interessanti è la pizza EVOLUTIVA:

impasto con farine siciliane che provengono da oltre 70 varietà con un risultato di estrema digeribilità ed un bouquet aromatico infinito. Ovviamente croccantezza perfetta!  

La preparano con pomodoro fresco, datterino marinato, bufala dop ed emulsione al basilico.

Dal loro Menù:

 

Per la recensione completa, ed il menù, cliccate QUI

–Prezzi–

20/40 euro.

Si trova in via Mazzini 31. Telefono per prenotare: 011.188.944.34

Segnatevi anche questi nomi di altre ottime pizzerie GOURMET a Torino:

Bricks, in zona centralissima ecco la nostra RECENSIONE

TasteiT, al Quadrilatero romano, RECENSIONE

 

5) CASA AMELIE: DELIZIOSA SORPRESA!

Davvero delizioso questo angolo un po’ appartato dove vi proporranno delizie sempre nuove, siamo in zona quadrilatero ma lontani dalla confusione dei locali uno dietro l’altro.

Lo chef è il giovanissimo Guido Perino, di origini napoletane, dopo aver girato molto in cerca di ispirazioni decide di aprire qui un bellissimo ed accogliente locale con soli 24 coperti: grande attenzione al cliente che viene seguito spesso anche dallo chef che viene in sala e proposte molto originali che vanno dal pesce, alla carne, al veg.

Prodotti solo di stagione e materia prima di altissima qualità.

 

Veniamo al menù disponibile a pranzo e ovviamente anche in formula delivery:

Antipasti:

Vitello bottargato
Tartare di zucca e rape, gamberi rosa, liquirizia e coriandolo
Croccante di bollito di manzo, cipolline caramellate e salsa al prezzemolo
Giardiniera di verdure in chiave moderna

Per i primi:
Bottoni di braciole alla napoletana
Fusilloni, cozze, zafferano greco e origano croccante
Spaghetti, cime di rapa, capperi e pomodori secchi
Riso, burro, acciughe, capesante e tarallo napoletano

Piatti principali:
Pancia di maiale al vermut e lattuga romana
Baccalà alla puttanesca
Cavolfiori e ravanelli a la plancha, olive taggiasche e limone
Brasato alle castagne e cavolo viola
Tonno rosso, broccoli e farro soffiato e arancio

Degustazioni per tutte le tasche: a 35 euro 3 piatti e 50 euro 5 piatti.
Casa Amélie si trova in via Carlo Ignazio Giulio, 4/b, Torino.

6) CONDIVIDERE, NUOVO STELLATO TORINESE! 

Insignito a novembre 2019 della prestigiosa Stella Michelin, Condividere è in assoluto un’esperienza da vivere!

La proposta gastronomica firmata da Federico Zanasi e Ferran Adrià regala alla città un’esperienza davvero unica, un percorso tutto nuovo ed un approccio assolutamente originale ed inedito alla ristorazione.

Condividere è senza alcun dubbio, completamente differente da qualunque altro ristorante in città. 

In primis la LOCATION contribuisce a regalare un’esperienza del tutto nuova.Colorate, spettacolari, vivaci e con un lungo bancone con vista sulla cucina.

Colorate, spettacolari, vivaci e con un lungo bancone con vista sulla cucina le creazioni architettoniche e di design di Dante Ferretti sembrano uscite dalle scenografie di un film americano!

L’altro aspetto che vi stupirà è l’approccio alla scelta dei piatti e la modalità di fruirne.

L’invito è alla condivisione nel vero senso del termine, per cui di fa condivisione informale dei piatti che vengono messi al centro della tavola, come si farebbe in qualunque famiglia e viene fruito in modo semplice con le mani o con le posate da tutti i partecipanti.

Tre proposte di Menù (da 60 a 90 euro) e la possibilità di fruire della carta, ovviamente.

Alcune delle loro proposte?

Crudo di Ricciola con ristretto di pomodoro piccante

Rombo alla brace, aglio, olio, peperoncino e spinaci croccanti

Polpo, pasta di anduia e cavolo riccio

Baccalà alla marinara con brodo intenso di calamaro

Granchio reale alla brace con spuma di bottarga

Ravioli di pesto, crema di patate, zafferano e taccole alla brace

Prezzi adeguati alla stella, quindi medio, medio alti ma ne vale davvero la pena!
Menù degustazione:
Curioso: 60 euro
Festival: 75 euro
Gran Festival: 95 euro.
Ristorante Condividere si trova presso la Nuvola Lavazza, in via Bologna 20A, Torino. 

Si prenota on line qui.

Condividere by Lavazza

Condividere by Lavazza

Condividere by Lavazza

 

7) STREET FISH DA 10 E LODE! 

Siamo in via Bogino 37a, pieno centro città. E’ uno street food dedicato al pesce di grande qualità!

Con il delivery, molto ben organizzato, hanno deliziato moltissimi torinesi in cerca di un pesce sfizioso nelle giornate di lockdown.

Davvero straordinario questo angolino di prelibatezze e di crudità di pesce.

Secondo noi da Street Fish realizzano un sogno di molti. Poter consumare mangiare pesce fresco, preparato sul momento da abili cuochi, in varie combinazioni golosissime, spendendo poco e senza avere l’obbligo di recarsi in un ristorante.

Goduria indescrivibile! Ed il pesce è freschissimo! 

Il format prevede convivialità e condivisione. Si sceglie cosa assaggiare ed il piatto è composto sul momento, davanti a voi.

Vi accomodate e lo consumate al bancone ed ai tavoli.

I proprietari sono due ragazzi davvero in gamba. Paolo ed Alessandro, amici dai tempi del liceo, mi raccontano, hanno viaggiato molto e sperimentato parecchie cucine in giro per il mondo.

Il loro sogno: aprire un luogo che offre pesce fresco, sul momento, a prezzi assolutamente abbordabili. Eccolo realizzato!

Alcune delle loro specialità:

Tartacos di: 

-tonno, cavolo verza, cipolla rossa, mayo con Wasabi e basilico

-salmone, valeriana, panna acida con capperi, limone e olive

-di spada con rucola, caponata, mayio alle olive

–branzino, insalata, Chilly senza carne e salsa yogurt.

E poi i loro fantastici Chevices in varie combinazioni, con tonno, spada e branzino, ampia scelta di insalate con verdure e pesce e piatti caldi che cambiano in base al pescato.

Street Fish è in Via Conte Gianbattista Bogino 3/a, Torino

8) UNA VERA PIOLA D’ALTRI TEMPI: BARBAGUSTO!

Barbagusto è sinonimo di VERA PIOLA PIEMONTESE!

Riaperti a pranzo anche loro dal 13 Dicembre 2020.

Un trattoria bella verace, senza fronzoli! Una delle nostre preferite!

Qui si mangia bene, in grande quantità, immersi nell’atmosfera delle vecchie trattorie.

Siamo a due passi da San Salvario, quartiere molto popolare e meta della vita notturna, in via Belfiore 36, lontano dal frastuono.

Qui trovate tutti i piatti della grande, ricca e gustosa tradizione piemontese: insalata russa, tomini e acciughe al verde, salsiccia di Bra.. ma spesso cambiano in base alle stagioni, ovviamente e con qualche contaminazione, ad esempio la buonissima cacio&pepe).

Tajarin burro, acciughe e topinambur 

Provateli, deliziosi! E costano il giusto! Otto euro. Non male eh!

Li trovate anche nella versione burro, acciughe e limone.

Rimanendo sui primi, gli agnolotti Bra e barbera (sempre otto euro) un piatto bello robusto e deciso che ci racconta il Piemonte delle campagne.

Non rinunciate, ovviamente, all’antipasto misto con tutte le specialità piemontesi della casa, un piattone perfetto da dividere in due, magari bevendo una buona bottiglia di vino.

(foto sotto)

Vini ottimi a prezzi accessibili e poi da Barbagusto mantengono la tradizione della  “merenda sinoira” torinese.

Altra nota molto positiva ed originale: potete ordinare le mezze porzioni. Bello eh! Così si possono provare più piatti e si spende il giusto.

Se provate Barbagusto non potete non tornare, vi sentirete accolti con amore e grande professionalità.

barbagusto torino

9) SAN GIORS, OVVERO IL BOLLITO NOVE TAGLI COME DA TRADIZIONE!

Ma dove lo trovi tutti i giorni, il Bollito misto tradizionale con i nove tagli di carne (muscolo, testina, coda, lingua, scaramella, brutto e buono, turgia, cotechino e gallina) servito in terracotta con il suo brodo, accompagnato da contorno di purè e verdure di stagione al burro, con le sette salse (bagnetto verde, rubra, cugnà, mostarda di frutta, salsa d’avije, rafano, senape) ed i plin fatti in casa che dovrete intingere nel brodo per completare la cottura e portarli a temperatura.

Vi basta?

Parliamo, qui al San Giors, di antiche tradizioni che si tramandano.. il bollito si condivide, ci si alza in piedi, ognuno va a prendersi i pezzi che preferisce dalla pentolona, si cercano le salse più buone.. Un bel momento di convivialità che si perde nella notte dei tempi!

E’ un logo storico che dovrete cercare inoltrandovi a Porta Palazzo e nella pittoresca zona del Balon, recentemente rinnovata.

In cucina con una proposta davvero esaltante, grazie al bravissimo e giovanissimo Paolo Ribotto, precedentemente chef presso il Sorij di Torino.

Veniamo al menu’ che prevede, alla voce antipasti:

Degustazione di antipasti piemontesi
Insalata russa
Tonno di coniglio
Crocchette di baccalà con crema parmentier
Carciofi fritti ripieni di gamberi con maionese alla menta

Poi ci sono i primi:

Agnolotti del plin fatti in casa al sugo d’arrosto
Ravioli di pecorino con crema di zucca e guanciale
Risotto Gli Aironi alla zucca, con salame di turgia, amaretti e blu di Lanzo
Tajarin 30 tuorli fatti in casa con ragù di cinghiale

Tra i secondi troviamo:

Guancia di vitello brasata al barbera
Trippa alla piemontese
Ossobuco con purè di patate
Funghi shiitake impanati e fritti

Meritano uno spazio a parte, in carta, i piatti cardine della tradizione piemontese che, in effetti, non sono poi così facili da trovare in città (e per questo ipotizziamo che il San Giors possa diventare un punto di riferimento per questo tipo di cucina):

Bollito misto con nove tagli di carne, Bagna caoda tradizionale con verdure di stagione cotte e crude, salsiccia di Bra e tuorlo d’uovo, Finanziera!

Infine, i dolci:

Bonet tradizionale
Pera cotta nel vin brulé, mascarpone e arance
Gelato al blu di Moncenisio, crumble al cacao e composta di pere
Semifreddo al torroncino, cioccolata calda e croccante al mandarino

SanGiors si trova in via Borgo Dora 3/A, Torino.

10) DU’ CESARI: AUTENTICA TRATTORIA DI CUCINA ROMANA

E qui siamo a Roma, un delizioso angolo della Capitale in corso Regina Margherita da ormai oltre 8 anni e recentemente con il secondo locale, anche in zona Quadrilatero. Anche loro hanno il delivery e sono riaperti a pranzo, dal 13 Dicembre 2020.

E sembra davvero di stare in una delle migliori trattorie veraci romane (le poche che sono rimaste..).

In cucina il patron e chef del locale, l’eclettico e simpatico Danilo Pelliccia, amatissimo dai torinesi per aver portato la migliore tradizione romana a Torino.

Trovate tutti i piatti tipici della tradizione, cacio e pepe, amatriciana, gricia ma soprattutto la CARBONARA che qui è il pezzo forte, preparata davvero ad arte, la migliore carbonara che io abbia mai gustato! (la foto sotto parla da sola, direi).

Non lamentatevi se ci trovate troppo tuorlo d’uovo, se la trovate troppo al dente e se non riuscite a finire la porzione! Qui la preparano come va preparata: il tuorlo a crudo, la pasta bella al dente, il guanciale in abbondanza e croccante, divino, il pepe, il pecorino ed il grana.

Ma Danilo ama le contaminazioni quindi troverete parecchi innesti, molto graditi dalla clientela, di piemontesità. Quindi il tartufo, quando è stagione, viene inserito nella carbonara e nasce “la tartufonara” e così via con molte eccellenze del nostro territorio.

Menù con i piatti del giorno alla lavagna (quando siamo andati noi c’era anche un delizioso piatto con la mortadella ai ferri) e poi in stagione non perdetevi i CARCIOFI: fanno la giudìa, la romana ma anche il carciofo alla fracescana (foto sotto) imperdibile!

Prezzi assolutamente abbordabili e porzioni molto abbondanti!

Divertitevi!

Du Cesari si trova in corso Regina Margherita 252, Torino. 

Prenotate con largo anticipo.

La carbonara di Du’ Cesari
Carciofo alla Francescana di Du’ Cesari
Du’ Cesari Torino – la sala

Caro lettore, grazie perché stai consultando questo articolo. Se lo trovi interessante, continua a seguirci, ti guideremo alla scoperta, ogni giorno, dei nuovi ristoranti, di locali che ancora non conosci.. di curiosità e tendenze.

Metti un like sulla pagina Facebook di TiportoalRistorante e riceverai tutte le novità.

Se gradisci abbiamo anche stilato la classifica delle MIGLIORI PIZZERIE DI TORINO e dei MIGLIORI COCKTAIL BAR DI TORINO.